Come diventare donatori?

Per diventare potenziale donatore di cellule staminali emopoietiche (midollo osseo) è necessario un colloquio informativo con il medico del centro trasfusionale, compilare il modulo per il consenso informato e aderire al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR).

A Verona e provincia il servizio informativo viene svolto presso tutti i Centri Trasfusionali della provincia.

In seguito al colloquio, il potenziale donatore si sottopone ad un normale prelievo di sangue a digiuno o dopo una leggera colazione priva di latticini. Non occorre impegnativa medica, ma è necessario presentarsi presso il laboratorio che effettua il prelievo con codice fiscale e libretto sanitario; i risultati della tipizzazione HLA (dati genetici indispensabili al trapianto) vengono inseriti in un archivio informatico e trasferiti, attraverso il registro regionale, al registro nazionale che è a sua volta collegato con altri 51 registri internazionali, nell’assoluto rispetto della riservatezza.
In caso di riscontro di un primo livello di compatibilità con un paziente in lista d’attesa per il trapianto, il donatore è richiamato per un secondo prelievo del sangue necessario per indagini genetiche più approfondite (secondo e terzo livello).

L’adesione iniziale firmata all’atto del primo prelievo ha solo valore d’intento e fino all’ultimo momento il potenziale donatore può ritirare il suo consenso. La disponibilità del donatore alla donazione, gratuita ed anonima, non ha limiti geografici.

Egli infatti entra a far parte dell’insieme dei potenziali donatori di tutto il mondo.